Ščurek Rebula Fino al 2016, Ščurek, wevino.store

Scurek Rebula Su 2016

Venditore
Ščurek
Prezzo di listino
49.00€
Prezzo di vendita
49.00€
Tasse Incluse. Spese di spedizione calcolate al checkout.
La quantità deve essere 1 o superiore

Ščurek Rebula Su 2016


Rebula È ricco, con aromi di arancia candita, albicocca e frutta secca. Al palato è dolcemente speziato con alcuni sapori di vaniglia.

I vini arancioni sono di tendenza in tutto il mondo in questo momento. È l'ultima parola d'ordine tra la folla che beve hipster. "La caratteristica unica della Slovenia con i vini d'arancia è che qui c'è una storia, non è solo una nuova moda", ha aggiunto Beth. “In altre regioni del mondo, le persone stanno cercando di creare bianchi a contatto con la pelle. Rebula Up è un esempio ideale di eccellente vino arancione - non è flaccido ma fresco e vivace, quindi penso che abbiamo fatto la scelta giusta. ”

I vini d'arancia ottengono la loro particolare consistenza e il loro sapore ricco dal loro contatto prolungato con le bucce delle uve bianche.

Più di 120 anni fa la famiglia Ščurek coltivava 1 ettaro di vite, producendo 50 ettolitri di vino. I vini furono imbottigliati per la prima volta nel 1990 quando la famiglia Ščurek coltivava 7 ettari di vigneti e produceva 15.000 bottiglie di vino all'anno. Oggi padre Stojan Ščurek (nella foto) e i suoi cinque figli possiedono e coltivano più di 20 ettari di vigneti, alcuni più vecchi di 55 anni.

Ogni anno la famiglia Ščurek rilascia fino a 90,000 bottiglie di vino di alta qualità ottenuto da diversi vitigni locali e internazionali. Sono rimasti fedeli ai vini freschi ma corposi e ritardano il primo travaso fino alla tarda primavera.

Oggi Secure produce circa 120,000 bottiglie di vino per ogni annata. Ma durante il Tito e l'era comunista della Jugoslavia, e poiché la famiglia Scurek non era membro del partito comunista, il governo proibì a loro e ad altri di imbottigliare il loro vino. Il governo ha richiesto loro di dare il trenta percento della loro vendemmia annuale allo stato attraverso la cooperativa locale, quella che ho passato qui, che è ancora operativa ma ora privatizzata.