Sauternes Barsac 2019, Château Coutet, wevino.store

Sauternes Barsac 2019

Venditore
Château Coutet
Prezzo di listino
32.00€
Prezzo di vendita
32.00€
Tasse Incluse. Spese di spedizione calcolate al checkout.
La quantità deve essere 1 o superiore

Château Coutet Sauternes Barsac 2019

L'edificio del Château Coutet ha tracce di una storia quasi millenaria. Nel 13 ° secolo, una torre militare fu eretta dagli inglesi e rimane ancora oggi. Dal 1643 in poi, Charles Le Guérin, noto come Lord de Coutet, iniziò a produrre vini, in particolare Sauternes. Un aneddoto che rende l'orgoglio di Château Coutet è la visita nel 1787 di Thomas Jefferson, all'epoca ambasciatore degli Stati Uniti in Francia. Quest'ultimo, che era anche un mediatore del vino, descrisse nei suoi diari di viaggio a Bordeaux: "Château Coutet è il miglior Sauternes di Barsac". Dopo la Rivoluzione francese, fu il Marchese Romain-Bertrand de Lur-Saluces, anche proprietario di Château Yquem e Château de Fargues, a occuparsi delle viti di Coutet fino al 1926. Nel frattempo, la classificazione del 1855 la collocò tra le Classi Premiers Crus a Sauternes. Nel 1926, Henry-Louis Guy divenne il nuovo proprietario. Un industriale di Lione, ha investito in nuove presse idrauliche all'avanguardia della modernità all'epoca, rendendo lo Château uno dei precursori del suo tempo. Alla sua morte, sua moglie gestì la produzione fino al 1977, da cui la cuvée Madame, chiamata in suo onore. Da allora, è la famiglia Baly, con il suo patriarca Marcel e i suoi due figli, Philippe e Dominique, a capo della tenuta. Dal 2008, Aline, sua nipote, si è unita alla sua famiglia e lavora per il prestigio di Château Coutet. Nel 1994, hanno completamente rinnovato gli edifici e rinnovato le viti. In questo periodo fu anche fondata una partnership tecnica e commerciale con la società Barone Philippe de Rothschild. I loro sforzi sono stati coronati da successo, dal 2014 i vini sono stati tra i primi 100 nella Top 100 della rivista Wine Spectator.

Con i suoi 38.5 ettari di viti, idealmente situato in un triangolo tra il fiume Garonna, il fiume Ciron e la foresta delle Landes, Château Coutet produce vini di colore dorato. Il terroir così tipico e favorevole a Sauternes consente al fungo Botrytis Cinerea di svilupparsi nelle nebbie mattutine create dalla differenza di temperatura tra il fiume e il fiume. Il ristagno di queste nebbie mattutine e il caldo del resto della giornata introduce la botrite nel cuore dell'uva e concentra gli zuccheri. Inoltre, il terroir argilloso-calcareo Barsac trattiene l'acqua nel terreno e rinfresca le viti, rallentando la maturazione dei grappoli e posticipando la data del raccolto. La vendemmia è il risultato di un intero rituale: vengono raccolte solo le uve mature, passaggio dopo passaggio, distribuendo la raccolta per più di un mese. Il vino viene poi affinato in barriques nuove di rovere francese per 18 mesi.

I vitigni sono essenzialmente Semillon e Sauvignon Blanc, con alcune piante di Muscadelle.

Con il suo vero nome, Château Coutet ("coltello" in Guascogna) è vivace, quasi nervoso, con una vitalità e una leggera freschezza. Ha un colore dorato chiaro. Ha un naso con note di ananas e torta alla frutta. Al palato, i suoi aromi di vaniglia, fiori bianchi, agrumi e, con l'età, le spezie e il limone candito, offrono tutte le qualità di un grande vino. È anche realizzato per un lungo invecchiamento.

Come aperitivo, servito freddo o accompagnato da un fegato d'oca o un pezzo di Roquefort, Château Coutet delizierà le vostre papille gustative.